Pitti chiude i battenti e riapre a settembre

Il 2 aprile 2020, a Firenze, il Consiglio di Amministrazione di Pitti Immagine, presieduto da Claudio Marenzi, ha preso la decisione di rimandare a settembre i saloni che erano in programma nel mese di giugno, vista e considerata l’emergenza sanitaria in cui riversano l’ Italia e l’intero globo, dopo essersi anche consultati con l’ad Raffaello Leone che, nelle ultime settimane, ha raccolto i pareri dei vari espositori e buyers.

In calendario quindi Pitti Immagine Uomo 98 dal 2 al 4 settembre presso la Fortezza da Basso a Firenze, mentre Pitti Immagine Bimbo 91 si terrà nei giorni 9 e 10 settembre (soltanto due giorni) sempre presso la Fortezza da Basso.

Per quanto riguarda Pitti Immagine Filati 87 non si è ancora decisa una data ma l’ evento è comunque confermato; Pitti Immagine Fragranze 18 è confermata per l’ 11,12,13 settembre presso la stazione Leopolda; Super 16 rimane confermata per il 24,25,26,27 settembre al Padiglione Visconti a Milano; cancellazione invece per la Taste 15, rinviata a marzo del 2021, presumibilmente dal 13 al 15 marzo.

Dichiarazione del sindaco Nardella: “Mi sono sentito con Raffaello Napoleone e ho condiviso la scelta sofferta ma di buon senso e ponderata di rinviare l’edizione di giugno di PItti Immagine Uomo. Il posticipo a settembre rappresenta una sfida straordinaria per la ripartenza della moda italiana a livello internazionale. Dobbiamo mettere tutte le energie nel superamento di questa crisi e allo stesso tempo nella preparazione di un nuovo Rinascimento. La moda è simbolo di creatività, eccellenza e imprenditoria italiana e Firenze è il cuore di questo simbolo. Settembre può essere il momento in cui accendere la scintilla di una grande ripresa economica e culturale di tutto il Paese – sottolinea Nardellsa – Faccio un grande in bocca al lupo di tutti gli organizzatori di PItti Immagine, garantisco la collaborazione del Comune al Centro per la moda italiana e rivolgo ad Antonella Mansi e Raffaello Napoleone il mio più grande augurio affinché possano lavorare fin da oggi per un rilancio storico e memorabile”.

W.M.K.

Editrice di W.M.K.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *