Vacanze a misura di bambino, Rimini e la magica Fiabilandia

Da sempre la Città di Rimini è sinonimo di “vacanza al top”, è la “regina” delle città di mare che offre divertimento allo stato puro sia per grandi che piccini. Magica a tal punto da divenire Musa Ispiratrice di grandi registi del cinema italiano, a partire da Federico Fellini, Sergio Corbucci  e molti altri, sino ad arrivare ai giorni nostri con  Luciano Ligabue (cantautore e regista). Tra le innumerevoli attrazioni che Rimini ci offre abbiamo scelto, quest’ oggi, per i nostri bimbi, un luogo sospeso tra sogno e realtà, dove la favola si fonde con il reale divertimento. A spasso tra luoghi incantati, draghi, cavalieri e  spruzzi d’ acqua , ci addentriamo nel  magico mondo di Fiabilandia.

Fiabilandia è uno dei tanti parchi divertimento presenti nel suolo italiano, situato a Rivazzurra (frazione di Rimini), nelle vicinanze della Strada Statale Adriatica tra Rimini e Riccione. Il parco vanta una superficie di circa 150000 m² dove sono dislocate ben 31 attrazioni, 5 punti di ristoro, aree pic nic ed ampio parcheggio  riparato da pensiline in acciaio che fungono da sostegno per un grosso impianto fotovoltaico.   Il parco Fiabilandia viene inaugurato nel 1965 e possiamo dire con certezza che, insieme ad Edenlandia (Napoli), è il parco più vecchio d’ Italia, ideato e creato prendendo spunto dalle attrazioni dei parchi  americani Disney (adattate ovviamente al parco riminese e ai mezzi economici ridotti), basti guardare la Miniera d’ oro che sembra una versione rimpicciolita del Big Thunderbird Mountain  disneyano.

La forma del parco è più o meno circolare e si sviluppa intorno al lago Bernardo, un’ ex cava di ghiaia riempitasi per le numerose falde

Il lago ospita molte specie di uccelli migratori e di pesci.

Fiabilandia si sviluppa in quattro aree tematiche principali, i quali temi sono quello Medievale,  Orientale , Western e  la Baja di Peter Pan ,  più alcune aree miste. All’ ingresso troviamo subito la Medievale con l’affascinante Castello di Merlino , la biglietteria, gli uffici e numerosi e curiosi negozietti di souvenir. Ah, non dimentichiamo La frulleria del mago. Nemmeno il tempo di entrare ed i miei figli si sono letteralmente fiondati a bordo di simpatici gufetti alla scoperta del mondo di Mago Merlino tra libri di magia impolverati, pozioni, stanze segrete, ed oggetti animati che stuzzicano la curiosità dei baldi apprendisti stregoni del parco, dove Mago Merlino ed il suo fidato gufo  Anacleto mostrerà loro i grandi segreti della magia! A termine corsa sarà d’ obbligo affrontare una grande prova di coraggio, nel tentativo di estrarre la famosa Spada nella Roccia,  avendo la possibilità di essere nominati Cavalieri della Tavola Rotonda da Re Artù in persona.

Dopo aver visitato tutte le altre attrazioni dell’ area Medievale  e fatto incetta di ricordini, ci dirigiamo verso l’ area Orientale. Alla nostra destra troviamo il celebre labirinto ed i miei bimbi ne sono subito entusiasti….Anch’ io devo dire..Per me è un bel tuffo nei ricordi perché i miei genitori mi ci portavano spesso e quest’ ultimo era la mia attrazione preferita. Il labirinto di Fu-Ming , immerso in una scenografia orientale, si apre dinanzi ai nostri occhi con un graziosissimo giardino curato nei minimi dettagli, con tanto di statua del Buddha, in un’ atmosfera apparentemente tranquilla, ma che in realtà nasconde ostacoli e segreti millenari. I simboli e le figure enigmatiche sulle pareti, potranno esservi d’aiuto per non imbattervi nell’ antico esercito dell’ Imperatore Ming e per non cadere in oscure vie senza uscita. Divertimento assicurato!

Dopo le fatiche fatte per uscire, rimaniamo in Oriente e ci lasciamo incantare dal Lago del sogno ,  un luogo tranquillo, di pace, dove la nave – dragone  ci guiderà in una magica visita all’ interno del Grande Dragone Cinese, alla scoperta del saggio Albero della Vita.

Un brunch veloce al ristorante la Pagoda su una splendida terrazza vista  lago e via di nuovo per altre entusiasmanti avventure. Proseguiamo verso la Baia di Peter Pan, altresì chiamata Baja dei Pirati, ed abbiamo l’ onore di salire sullo splendido vascello del malvagio Capitan Uncino. Andiamo alla scoperta del nascondiglio di Peter Pan ed insieme a lui ci lasciamo coccolare dalle favole di Wendy nel magico mondo dell’ Isola che non c’è. 

Ma ecco arrivare il Fiaby  Boat, un bellissimo battello che ci porta a vedere le bellezze del lago Bernardo, cuore e oasi naturale del parco.

Quando scendiamo  ci troviamo proprio nell’ area Western che ci riserva numerose attrazioni ma ,prima di tutto , facciamo una passeggiata per ammirarne il paesaggio. Iniziando a visitare la casa del contadino, i pony, ed il forte. 

Ovviamente non possiamo farci mancare un bel giro sulla Miniera d’ oro  ed un giretto sul Pony per poi intrattenerci a fargli un sacco di coccole.

La giornata è ancora lunga e la temperatura si alza…quanto pagherei per rinfrescarmi un pochino e rilassarmi in uno sdraio….anche solo per dieci minuti! Detto e fatto! Fiabilandia offre anche questo servizio. Una  confortevole piscina  ed un’ area solarium in stile hawaiano dove si ha la possibilità di godere di un po’ di relax.

E dopo aver “ricaricato le batterie” si continua il viaggio all’ insegna del divertimento. Sosta obbligatoria presso il Borgo Magico dal quale poi sarà difficile portare via i bimbi …… Un magico borgo composto da varie giostre tradizionali, una più bella e divertente dell’ altra, soprattutto per i più piccini.

Tantissime altre attrazioni ci aspettano, tipo il  Capitano Nemo Adventure, Castoria, Space Mouse, il Cinema 4D, ecc, ma non vi parlerò di tutte …per scoprirle  dovrete venire a visitare questo luogo incantevole e ricco di magia. Sarà un bellissimo sogno per tutta la famiglia, parola di World Model Kids. 

W.M.K.

Editrice di W.M.K.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *