SOFIA… “UN CIGNO CHE DANZA CON IL SUO PIUMAGGIO CANDIDO… SULLO SPECCHIO D'ACQUA DELL'ARTE”.

In questa occasione, affinando un po’ la mente coi ricordi, rimembreremo sicuramente un famoso Kolossal, ispirato al notissimo balletto “Il lago dei cigni”,   che ispirò appunto il cartone animato “L’incantesimo del lago”, titolo originale: “The Swan Princess”  per la Regia di “Richard Rich”.  Riportando uno spezzone testuale,  tratto dal suddetto, subito ci immedesimiamo in ciò che un cigno rappresenta: la magia, l’eleganza, la raffinatezza , la dolcezza… l’amore… 

“La voce dell’amore di te mi parlerà. Ti sento qui vicino a me, speranza mi darà. La voce dell’amore nel cielo volerà, io chiudo gli occhi ed ora sono là. Tu sei la luce dell’alba, gioia e calore mi dai. Tu le miei notti per sempre riempirai. La voce dell’amore ti dice che verrò. Io troverò la strada e poi da te arriverò. Lo sento nel mio cuore che ti ritroverò e insieme a te io solo non sarò. Per tutta la mia vita. Ed oltre questa vita. Soltanto te amore io vorrò. (Cit. L’incantesimo del lago cartone)”. E… dopo queste righe, ricche di emozioni, di battiti di cuori, di occhi gonfi di gioia, come non catapultare  da tutto questo nel presentarvi, oggi, un giovane talento, “una principessa” che danza con le sue ali di piume nell’arte, con l’ aura incantata… di un “cigno”… Lei è “SOFIA“.


Sofia, 8 anni, proviene dalle Terre meravigliose e suggestive della Campania. Caratterialmente sensibile, dolce, affettuosa e premurosa, d’ altro canto pignola, attenta a tutto, assai precisa, adorabile. Affronta qualsiasi situazione con eleganza e raffinatezza, facendola contraddistinguere già a prima vista per il suo modo di fare, al contempo dolce ma ben sicura di sé, decisa, determinata, una vera “Leader”. Facilmente si integra in qualsiasi contesto privato che Artistico/lavorativo anche con la presenza di gruppi di più persone, dando filo da torcere anche a quelle/i più grandi di Lei, non ha paura di nulla, insomma una piccola  ed intraprendente “Vip”.

L’attività curriculare, ha già come riscontro, notevoli successi  positivi Artistici. Per affinare, le già intraprendenti nozioni e qualità artistiche, frequenta l’accademia di danza, affrontando con disinvoltura sia le sessioni di danza classica che moderna. Questa passione prediletta per la danza,  la porta in qualsiasi luogo vi si trovi a  danzare senza mai stancarsi, ore su ore, anche quando si trova a casa. 

Una chicca che mamma Kate, ci svela:

“Sofia, ama molto leggere, e di routine tutte le sere prima di andare a letto apre un libro di fiabe e legge. A scuola va benissimo,​ è sempre  molto attenta e pronta nell’apprendimento. Dal ritorno dalla scuola, ha un suo passatempo che definisce “il suo mestiere preferito”, cioè fare la maestra. Simula perfettamente il mettersi alla lavagna interpretando come una vera attrice, l’essere una maestra, con il suo tavolino con davanti i suoi libri e quaderni e, ovviamente alunni “immaginari” compresi.”

Vista la sua innata vena Artistica, ama prendersi cura di sé, del suo aspetto fisico e scenico/artistico. Infatti, è estremamente vanitosa. Adora truccarsi, farsi la manicure – pedicure, e i capelli.  Passa ore e ore allo specchio, ogni volta prima di prepararsi, rendendola una spiccata esperta in tutto ciò che riguarda makeup, vestiario, profumi, e nuove tendenze in fatto di moda. Ed è grazie alla vanità che è spinta a realizzare il suo sogno nella moda, cioè fare la modella.

Mamma, Kate racconta:

Non posso fare altro che augurarle il meglio. La seguo in tutto. Sono pronta ad assisterla sempre in qualsiasi cosa perché so che mi può dare immense soddisfazioni… già adesso me ne da tante. È una bambina adorabile”



In conclusione, noi, redazione di W.M.K., vogliamo porgere a Sofia, un grande in bocca al lupo, ricco di ulteriori e importanti traguardi futuri di vita ed artistici, e che i suoi sogni si avverino e realizzino un giorno, come per il famoso e dolcissimo racconto del “brutto anatroccolo”, dove voleva sognando, essere come quei cigni che vedeva, leggiadri, fluttuanti su ogni specchio d’acqua, e lui lo era, ma non seguiva il suo sogno, il coraggio di specchiarsi  nell’acqua e vedersi.  Così un giorno il suo sogno si  avvero’ …determinato si specchio’… e quello specchio d’acqua sia il riflesso anche per Sofia, per il suo  sogno, per la sua Arte… La sua vita…


“Il povero anatroccolo decise allora di scappare. Attraversò campi e prati, nuotò sull’acqua a lungo, ma per quella sua bruttezza era trascurata da tutti gli animali. Una sera sbucò dai cespugli uno stormo di grandi uccelli, stupendi; mai l’anatroccolo aveva visto uccelli così belli. Erano cigni, di un bianco abbagliante, con lunghi colli flessuosi. Voglio andare da quegli uccelli reali! – e volò nell’acqua dirigendosi verso di loro. Ma cosa vide mai nell’acqua chiara! Vide sotto di sé la sua immagine, e non era più l’uccello di una volta, grigio e sgraziato, era anche lui un cigno. (Cit. Hans Cristian Andersen – Il brutto anatroccolo)”.

                                                            W.M.K.

Redattore-Grafico di W.M.K.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *